Dall'albero al cioccolato

L’albero del cacao cresce nella fascia tropicale, tra i 10 e i 20 gradi a nord e a sud dell’equatore, zona anche chiamata “The cocoa belt”. L’albero del cacao può essere molto alto e arrivare fino a 12 metri. Il cacao comincia a dare frutti solo dopo circa 5 anni, ne impiega 10 per fornire una resa ottimale.

I suoi frutti, chiamati cabosse, possono assumere un colore che va dal marrone/giallo al viola, e contengono dai 20 ai 40 semi o fave di cacao. Ogni pianta produce dalle 20 alle 50 cabosse l'anno e per produrre un chilo di cacao sono necessarie circa dieci cabosse.

Il gusto dei semi di cacao non dipende solo dalla varietà della pianta, ma anche dal suolo, dalla temperatura, dalla luce del sole e dalle piogge.

Dopo un processo di fermentazione e di essicazione al sole, I semi di cacao vengono confezionati per il consumo locale oppure per essere spediti verso le aziende produttrici di cacao e cioccolato. Prima di venire trasformati in cacao o cioccolato, i semi vengono tostati e assumono il caratteristico colore del cacao. Infine i gusci vengono rimossi dai semi tostati e a questo segue un processo di macinazione che rende la granella più fine. Attraverso alte temperature viene generato il liquore di cacao e in seguito, con ulteriore calore e pressione, si ottengono il burro di cacao e la polvere di cacao.

Per arrivare a una texture molto setosa occorre infine mettere in atto un lungo processo di miscelazione e riscaldamento.